Previous Next

Notte re la Focalenzia 7-8-9/12/2016


Nel centro storico di Castelfranci, lo spettacolo dei falò, stand gastronomici con piatti tipici, tanta musica dal vivo, artisti di strada e tanto vino di Castelfranci!

Associazioni Turistica


Pro Loco Castelfranci
Il nuovo biglietto da visita della Pro Loco nel mondo di internet

Presentazione del sito web  

Associazioni Turistica


Pro Loco Castelfranci
Il nuovo biglietto da visita della Pro Loco nel mondo di internet

Presentazione del sito web  

   
Pro Loco Castelfranci - Le tre incoronazioni

Le tre incoronazioni

 Categoria: Il Territorio - Le tre incoronazioni  Commenti: 0

Il 1826 è un anno fondamentale per la storia della chiesa del Soccorso. Su iniziativa del decurionato viene presentata al vescovo De Nicolais una domanda per l'Incoronazione della Effige Miracolosa. Inoltrata la domanda alcuni popolani vengono ascoltati presso la curia vescovile di Nusco e sotto giuramento depongono alcune "positiones et articoli".

Completata senza ostacoli questa prima fase si entra in quella successiva , più delicata in quanto chiama in causa direttamente il Capitolo della Basilica Vaticana presso il quale è giunta la richiesta di Incoronazione trasmessa dai naturali di Castelfranci.

"Al Re.mo Capitolo della Sacrosanta Basilica Vaticana Il Clero, e Popolo del Comune di Castel de Franci, in Diocesi di Nusco, divotamente espongono, come da tempo immemorabile, in Tempio magnifico, sotto il titolo di S. Maria del Soccorso, sito in detta di loro Patria, si venera insigne, ed antichissima Immagine dipinta, di Maria S.ma sotto lo stesso titolo del Soccorso, chiarissima per molti miracoli, come dall'annesso testimoniale dell'Ordinario Diocesano.
Ad oggetto di sempre più infiammare la pietà de Fedeli verso la Gran Madre di Dio, adorata in detta Sagra Imagine, gli Oratori ardentemente desiderano, che la Imagine medesima sia solennemente coronata nella solenne dilei Festività, che si celebra nella prossima prima domenica di Agosto, o in altro giorno, che sarà al più presto possibile.
Implorano la facoltà necessarie per tale solenne Coronazione, e tutto riceveranno a Grazia Singolarissima
".

Anche il Vescovo De Nicolais dal canto suo e, così come dovuto, fa pervenire una lettera al Capitolo Vaticano riassumendo nelle poche pagine che la compongono i momenti più significativi dell'intera vicenda. Espletate tutte le formalità il 7 Agosto del 1826, anno terzo del pontificato di Leone XII, con diploma dello stesso viene concesso il permesso per la Incoronazione.

La seconda Incoronazione avviene il 4 Agosto del 1839. La terza nel 1841, prima domenica di Agosto.

Il 23 ottobre del 1839, alla presenza del Clero, del Sindaco e del Decurionato, con decreto del vescono Francesco Paolo Mastropasqua viene dichiarata "...matrice Parrocchiale".

La festa della prima domenica di Agosto

Una storia nell'immaginario popolare parla di un sogno fatto una sera d'estate. Si racconta che la vergine apparve in sogno ad una povera donna del posto chiedendole di recarsi l'indomani dal parroco affinché edificasse la Sua Cappella nel luogo indicato e conosciuto come l'Ortora. Il mattino seguente la donna si recò dal prete e raccontato il sogno, fu da questi schernita. Tornata a casa piena di rabbia e di vergogna pensò bene di non uscire ma la Vergine riapparve nuovamente quella notte ed ella, imperterrita, ritornò dal parroco il quale la allontanò con violenza. La terza volta la Vergine confidò in sogno alla donna che, come segno della Sua presenza e della Sua volontà, avrebbe fatto cadere nel posto indicato tanta neve quanta ne sarebbe bastata per definire il perimetro della cappella.
Così fu. Il giorno dopo, era la prima di agosto, dinanzi agli occhi esterrefatti dei popolani e dell'incredulo prete, nel posto dove oggi sorge la chiesa del Soccorso, apparve, scolpito nella neve, il perimetro di una cappella. Fu un evento straordinario, la gente accorse da ogni dove per pregare e dinanzi a quel prodigio i ciechi videro, gli infermi guarirono, gli storpi camminarono. E perché nulla di ciò che accadde fosse dimenticato indusse il quel popolo a ricordare ogni anno e per sempre quel giorno. Nasceva così la festa della prima domenica di agosto.

 
Commenta articolo Leggi le linee guida per i commenti