Previous Next

IX NOTTE RE LA FOCALENZIA 2018


IX NOTTE RE LA FOCALENZIA 7-8 DICEMBRE 2018

Maggiori info su IX NOTTE RE LA FOCALENZIA 2018  

Notte re la Focalenzia - CASTELDIVINTOUR


SCOPRI I VINI DI CASTELFRANCI l'8 Dicembre

CLICCA QUI PER SCOPRIRE IL CASTELDIVINTO  

Associazioni Turistica


Pro Loco Castelfranci
Il nuovo biglietto da visita della Pro Loco nel mondo di internet

Presentazione del sito web  

   
Pro Loco Castelfranci - IX Notte re la Focalenzia

IX Notte re la Focalenzia

 Categoria: Notizie e attualità - IX Notte re la Focalenzia  Commenti: 0
Partiamo dalla parola evento, cosa significa? Etimologicamente viene dal latino e-ventum cioè e-venire che possiamo tradurre con il termine divenire. Ogni evento è il risultato di un divenire, di un processo che porta movimento e trasformazione. La Notte re la Focalenzia è stato un evento che ha creato rapporti, ha tentato di comunicare qualcosa, ha cercato di mettere in rapporto cose, idee e persone. Con la IX edizione abbiamo allargato i nostri orizzonti socio-culturali offrendo al visitatore qualcosa di nuovo, qualcosa di veramente “nostro”. Il principale intento o desiderio è stato quello di raccontarci, raccontare una storia che, per noi castellesi, è importante e cioè la “nostra” tradizione dei falò. Raccontarci, raccontare le nostre radici e nel raccontarlo difenderle contro questo futuro sempre più veloce, sempre più totalizzante e anestetizzante. Il nostro passato, la nostra cultura, la nostra terra, i nostri prodotti, la nostra ospitalità, tutto questo abbiamo tentato di servirlo nel migliore dei modi possibili. Il fine non è stato quello di creare una mera festa, la tipica sagra, ma di trasportare un messaggio storico attraverso installazioni contemporanea superando la stessa dialettica passato-presente in una sintesi tutta nuova. La “creazione” di alcuni locali dedicati alla promozione dei “nostri vini”, il loro allestimento, il loro trasformarsi durante le sere in luoghi di aggregazioni sono il frutto di idee, incontri, sforzi e soprattutto “socialità”. La socialità è stata il centro del nostro agire. I nostri allestimenti sono frutto di “oggetti storici” legati alla tradizione contadina e religiosa di questa terra, frutto di foto storiche del paese e di persone che lo vivevano e vivono tutt’ora. Tutto è stato ricercato minuziosamente, sistematicamente. Dietro ogni cosa c’è stato e c’è un motivo, un progetto più grande. Il progetto di uno spazio espositivo, uno spazio dove la storia del paese possa esistere, resistere e dove le diverse generazioni possano incontrarsi, raccontarsi e crescere insieme. Ancora una volta si presenta la socialità al centro del nostro agire. Un posto tutto nostro, dove moderno e antico, giovane ed anziano si mescolano sottraendosi alle barriere generazionali. Insieme all’idee per i vari allestimenti, abbiamo cercato di creare attrattive differenti, come le letture che si sono svolte sia il giorno 7 sia il giorno 8. Le letture del giorno 8 su “Prometeo” sono figlie di un lavoro di ricerca, di sintetizzazione di un pensiero che pretende di superare qualsiasi linearità spazio-temporale. Il Prometeo come radice, come quella radice che si trasforma in amore viscerale per la propria casa, per la propria terra nonostante tutto. Lo stesso può dirsi per le poesie appositamente ricercate perché il tutto doveva divenire un messaggio, un simbolo, una folle idea che si può riassumere cosi “Resistere al tempo nonostante il tempo”. È stata certamente un’emozione il tour delle cantine, l’assaporare i vini, il conoscere i produttori, l’osservare i locali dove questo nettare divino giunge a piena maturazione e diviene finalmente quel prodotto tanto amato e tanto ricercato. Abbiamo cercato di mostrare il meglio che questa terra può offrire, perché il fine è conservarla intatta per il futuro senza dimenticare il suo passato e, solo così, sottrarla al degrado. Ogni cosa fatta, pensata, realizzata ha avuto il fine di dimostrare che qui c’è tanto e che, questo tanto, non deve essere lasciato morire ma invece va coltivato gelosamente e custodito. Abbiamo insistito sulla collocazione “centro storico”, come la proloco fa ormai da anni, perché volevamo far rivivere la parte più caratteristica del paese, quella parte che, prima del terremoto, era “il paese” e che per noi rappresenta un tuffo nel passato, in quel passato dove i falò hanno avuto origine, in un passato quasi dimenticato ma che aleggia ancora su tutti noi. Abbiamo riempito il percorso con mostre ed installazioni, grazie alla collaborazione di altre associazioni e privati, perché la bellezza e la cultura vanno di pari passo con il piacere che questa terra irpina sa e deve offrire. E infine i falò, simbolo di aggregazione e meravigliosamente è stata proprio la medesima aggregazione che li ha resi possibili. Tante persone si sono adoperate per la raccolta della legna, per la sistemazione della stessa nei bracieri e per l’accensione. La nostra Notte re la Focalenzia è stata un sogno in divenire, un sogno che deve sfociare in una nuova prospettiva aggregativa, ricreando quel senso di appartenenza che latita da troppo tempo in queste terre. Abbiamo, altresì, tentato di congiungere il “bello”, l’intelligenza e la cultura partendo da un concetto molto semplice eppure troppe volte dimenticato e cioè che civiltà è sinonimo di costruzione e ogni costruzione è possibile solo con il lavoro di tutti. Il fine principale è stato e, non poteva essere altro, ricreare un’idea di comunità. Ecco Prometeo, ecco gli allestimenti, ecco il tour, ecco la musica, ecco perché i falò. Il tutto è stato un lungo viaggio metaforico alla ricerca del concetto più umano possibile cioè “STARE INSIEME”. La Notte re la Focalenzia è stata per tutti i ragazzi e le ragazze della proloco questo, un costruirsi divenendo, un tentativo di riscoperta della nostra storia, un tentativo di rinascita, un tentativo che rifaremmo altre mille volte. Il giudizio sul nostro lavoro spetta a voi, spetta a tutti voi che ci avete onorato passeggiando tra le nostre storie, i nostri volti, le nostre strade con i nostri fuochi e perché no, i nostri sogni. Grazie e un saluto con le mani sporche di cenere a tutti. A breve saranno pubblicati i ringraziamenti Proloco Castelfranci #notterelafocalenzia #prolococastelfranci #castelfranciwinefestival #wine #vino #trenostorico #irpinia #campania #castelfranci #maccaronara #falò #mostre #esposizioni #taurasi #aglianico #irpiniamood #unpli #unpliavellino #unplicampania #tarantella #touringclub ° In foto KarmaFire nella IX Notte re la Focalenzia PH Melania Storti<
 Pubblicato il 18-12-2018 15:54:30
*** Per essere aggiornati sulla pubblicazione di informazioni, comunicati, curiosità legate alla Pro Loco Castelfranci è disponibile un servizio gratuito di mailinglist.
Per ricevere la mailinglist è necessario essere registrati come utenti della Newsletter secondo la procedura illustata in questa sezione. ***
Commenta articolo Leggi le linee guida per i commenti